Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Monitoraggio agro-ambientale

L'UFAG conduce un monitoraggio, sulla base di indicatori agro-ambientali (IAA), allo scopo di valutare l'influsso dell'agricoltura sulla qualità dell'ambiente.

Il monitoraggio agro-ambientale (MAA) consente di osservare l'influsso dell'agricoltura sull'ambiente. Grazie agli IAA si possono evidenziare effetti inattesi e indesiderati e avviare, di conseguenza, ricerche più approfondite per risalire alle cause. Il MAA è dunque un'importante fonte d'informazione per l'evoluzione della politica agricola e l'opinione pubblica, oltre che per la ricerca nel caso in cui si approfondiscano le conoscenze sulle interazioni tra pratiche agricole e ambiente.

Indicatori agro-ambientali in sintesi
Indicatori agro-ambientali in sintesi

Analisi centralizzata degli indicatori agro-ambientali (AC-IAA)

L'analisi centralizzata degli indicatori agro-ambientali (AC-IAA) si svolge come l'analisi centralizzata dei dati contabili e consente di raccogliere e valutare i dati delle pratiche agricole in una rete di aziende allo scopo di ricavare informazioni sull'agricoltura e sull'ambiente a livello regionale e per tipo di azienda agricola.

Per tale motivo, dal 2009 vengono rilevati dati ecologici significativi presso diverse aziende e sottoposti ad analisi centralizzata. L'UFAG svolge tale attività collaborando con gli stessi partner con cui realizza l'analisi centralizzata dei dati contabili, ovvero gli agricoltori, le fiduciarie agricole riunite nell'Associazione fiduciaria agricola svizzera (Fidagri), Agroscope e Agridea. I fiduciari agricoli sono i diretti interlocutori degli agricoltori coinvolti. Si occupano di una prima analisi della qualità dei dati che trasmettono poi all'analisi centralizzata. Agroscope è il centro di competenza degli indicatori agro-ambientali; esso non si occupa soltanto di calcolarli, bensì anche di svilupparli dal profilo metodologico.

I dati vengono rilevati dagli agricoltori mediante l'applicazione Agrotech, appositamente adeguata a tale scopo, di proprietà di Agridea e dell'Unione svizzera dei contadini (USC). Un fattore limitante è costituito dall'onere amministrativo che ciò comporta per gli agricoltori.  Per tale motivo vengono richiesti unicamente i dati che gli agricoltori sono tenuti a rilevare nel quadro dell'adempimento dell'obbligo di fornire i dati PER (prova che le esigenze ecologiche sono rispettate) e delle esigenze stabilite nell'ordinanza sui medicamenti veterinari. Di queste fa parte, ad esempio, il libretto dei campi che contiene un'enorme quantità di dati ecologici importanti. Devono essere inoltre fornite indicazioni supplementari per quanto riguarda, ad esempio, il consumo annuo di diesel.

Il rilevamento dei dati ecologici presso aziende già considerate nel quadro dell'analisi centralizzata dei dati contabili ha coinvolto dapprima un numero ristretto di aziende. Nel corso degli anni la rete è stata ampliata, allo scopo di migliorare la rappresentatività.


Fine zona contenuto



http://www.blw.admin.ch/themen/00010/00070/index.html?lang=it