Ufficio federale dell'agricoltura UFAG

La presente edizione è adatta per browser con un supporto CSS insufficiente e destinata soprattutto alle persone ipovedenti. Tutti i contenuti sono visualizzabili anche con browser più vecchi. Per una migliore visualizzazione grafica si raccomanda tuttavia l'uso di un bro

Inizio selezione lingua



Inizio zona contenuto

Inizio navigatore

Fine navigatore



Monitoraggio agro-ambientale

L'UFAG effettua un monitoraggio avvalendosi di indicatori ambientali nell'agricoltura, allo scopo di valutare l'influsso esercitato dall'agricoltura sulla qualità dell'ambiente e l'evoluzione di quest'ultimo in relazione alle pratiche agricole. Il monitoraggio evidenzia pure i settori problematici e all'occorrenza, può fungere da base decisionale nella scelta di nuovi strumenti.

I risultati del monitoraggio agro-ambientale, oltre ad essere uno strumento per coloro che sono chiamati a prendere decisioni politiche, consentono di informare l'opinione pubblica e di fare un confronto con altri Paesi.

La base legale su cui si fonda il monitoraggio agro-ambientale è l'ordinanza concernente l'analisi della sostenibilità in agricoltura, emanata nel dicembre 1998. Agli articoli 8 e 9 è specificato che esso si fonda su indicatori agro-ambientali comparabili alle norme internazionali e che deve consentire di analizzare le ripercussioni quantitative e qualitative della politica agricola a livello nazionale, regionale e aziendale.

Indicatore agro-ambientale

Gli indicatori agro-ambientali (IAA) permettono di effettuare un'analisi ecologica dell'impiego di sostanze ed energia, delle emissioni di inquinanti, del rendimento del suolo, della biodiversità e dell'allevamento. ART è preposto allo sviluppo, dal profilo metodologico, di indicatori del tipo "Forze motrici" e "Impatti ambientali". L'UFAM è responsabile degli indicatori "Stato dell'ambiente".

Centro di competenze Indicatori agro-ambientali ART

In qualità di centro di competenze IAA, Agroscope ART è preposto allo sviluppo, dal profilo metodologico, degli IAA e dell'analisi centralizzata degli indicatori agro-ambientali (AC-IAA).

Analisi centralizzata degli indicatori agro-ambientali

L'analisi centralizzata degli indicatori agro-ambientali (AC-IAA) ricalca l'analisi centralizzata dei dati contabili e permette di rilevare i dati delle pratiche agricole presso diverse aziende nonché di analizzarli con l'obiettivo di acquisire informazioni sull'agricoltura e sull'ambiente a livello regionale e aziendale.

Dal 2009, si procede quindi al rilevamento di dati ecologici significativi presso diverse aziende che vengono poi valutati nel quadro dell'analisi centralizzata. L'UFAG si avvale della collaborazione degli stessi partner dell'analisi centralizzata dei dati contabili, ossia agricoltori e fiduciari agricoli raggruppati nell'Associazione svizzera dei fiduciari agricoli (ASFA), ART e Agridea. I fiduciari agricoli sono i diretti interlocutori degli agricoltori coinvolti. Si occupano di una prima analisi della qualità dei dati che trasmettono poi all'analisi centralizzata. ART è il centro di competenza degli indicatori agro-ambientali; esso non si occupa soltanto del calcolo degli indicatori, bensì anche del loro sviluppo dal profilo metodologico.

I dati vengono rilevati dagli agricoltori mediante l'applicazione Agrotech, appositamente adeguata a tale scopo, di proprietà di Agridea e dell'Unione svizzera dei contadini (USC). Un fattore limitante è costituito dall'onere amministrativo che ciò comporta per gli agricoltori. Per tale motivo vengono richiesti unicamente i dati che gli agricoltori sono tenuti a rilevare nel quadro dell'adempimento dell'obbligo di fornire i dati PER (prova che le esigenze ecologiche sono rispettate) e delle esigenze stabilite nell'ordinanza sui medicamenti veterinari. Di questi fa parte, ad esempio, il libretto dei campi. Esso contiene infatti una notevole quantità di dati ecologici importanti. Devono inoltre essere fornite indicazioni supplementari per quanto riguarda, ad esempio, il consumo annuo di diesel.

Il rilevamento dei dati ecologici presso aziende già considerate nel quadro dell'analisi centralizzata dei dati contabili ha coinvolto dapprima un numero ristretto di aziende, che aumenta nel corso degli anni per assicurare sempre una maggiore rappresentatività.

Sintesi: indicatori agro-ambientali

Ambiti tematici

Tipi d'indicatori

Forze motrici:
pratiche agricole

Impatti ambientali:
processi agricoli

Stato dell'ambiente
(resp.: UFAM)

Azoto

● Bilancio dell'azoto
   di origine agricola

● Potenziali emissioni
   di azoto (nitrati,
   ammoniaca e
   protossido di azoto)
● Emissioni di
   ammoniaca

● Carico di nitrati di
   origine agricola nelle
   acque sotterranee

Fosforo

● Bilancio del fosforo
   di origine agricola

● Tenore di fosforo
    nei suoli

● Carico di fosforo
   di origine agricola
   nei laghi

Energia / clima

● Consumo energetico
   nell'agricoltura

● Efficienza energetica
● Emissioni di gas
   a effetto serra

 

Acqua

● Utilizzo di prodotti
   fitosanitari
● Utilizzo di
   medicamenti
   veterinari

● Rischio di ecotossi-
   cità acquatica

● Carico di prodotti
    fitosanitari nelle
    acque sotterranee
●  Medicamenti
    veterinari

Suolo

● Copertura del suolo

● Rischio di erosione
● Potenziali effetti delle
   attività agricole sulla
   biomassa microbica
● Bilancio di metalli
   pesanti

● Tenore di inquinanti
● Qualità del suolo

Biodiversità /
paesaggio

● Compensazione
   ecologica (qualità
   inclusa)

● Potenziali effetti delle
   attività agricole sulla
   biodiversità

● Diversità delle specie
   selvatiche
● Diversità degli spazi
    vitali
● Elementi paesaggi-
   stici rilevanti


Fine zona contenuto



Ufficio federale dell'agricoltura UFAG
info@blw.admin.ch | Basi legali
http://www.blw.admin.ch/themen/00010/00070/index.html?lang=it