Contributo per il foraggiamento scaglionato di suini a tenore ridotto di azoto

Il valore target della Politica agricola 2014-2017 per le emissioni di ammoniaca dell'agricoltura non sarà raggiunto entro il 2017 poiché il calo delle emissioni ristagna. Affinché possano essere compiuti ulteriori progressi, nella detenzione degli animali sono efficaci anche misure da adottare già al momento del foraggiamento (begin of pipe). Nel caso dei suini viene pertanto introdotto un nuovo contributo per l'efficienza delle risorse per il foraggiamento scaglionato di suini a tenore ridotto di azoto.

Se il livello di azoto (N) negli alimenti destinati ai suini è adeguato alle esigenze dell'animale a seconda dell'età, si ottiene una netta riduzione delle emissioni di N provenienti dalla detenzione di suini. È assodato che un foraggiamento ottimizzato in funzione delle fasi di ingrasso è opportuno dal profilo ecologico. Tuttavia, in Svizzera al 70 per cento circa dei suini da ingrasso viene tuttora somministrato lo stesso foraggio durante l'intero periodo d'ingrasso. Grazie a un foraggiamento scaglionato, con una razione adeguata al fabbisogno, è possibile ridurre sia le deiezioni azotate degli animali sia la quantità di azoto immessa nel ciclo agricolo. In tal modo diminuiscono anche le perdite di ammoniaca. Mediante un contributo per l'efficienza delle risorse di durata limitata si vuole offrire un incentivo per la conversione al foraggiamento scaglionato di suini a tenore ridotto di azoto nella detenzione di suini da ingrasso svizzeri.

Una ripartizione del calcolo del bilancio foraggero secondo le categorie di suini comporta un onere amministrativo sproporzionato. Pertanto il contributo è destinato a tutte le categorie, a condizione che si adempiano i requisiti.

Il contributo è di durata limitata e sarà versato fino al 2021.

Allo scadere del termine di promozione del contributo per l'efficienza delle risorse, il foraggiamento scaglionato sarà introdotto nella PER in relazione alla categoria dei suini da ingrasso. Onde tenere conto delle diverse esigenze dei suini da ingrasso biologici, per questi vengono fissati valori minimi più elevati per quanto riguarda il tenore di proteina grezza. L'inserimento della misura nella PER determinerà un'evoluzione a livello di foraggiamento e di allevamento tale da consentire una riduzione dei tenori di proteina grezza.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica 14.01.2019

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/instrumente/direktzahlungen/ressourceneffizienzbeitraege/beitrag-fuer-die-stickstoffreduzierte-phasenfuetterung-von-schwe.html