Aziende d'estivazione

Di seguito sono riportati gli elementi principali concernenti il diritto ai pagamenti diretti delle aziende d'estivazione e con pascoli comunitari. Le disposizioni dettagliate sono contenute nell'ordinanza sui pagamenti diretti (OPD).  

Hanno diritto ai contributi (art. 10 OPD):

  • i gestori di aziende d'estivazione e con pascoli comunitari con domicilio civile o sede in Svizzera
  • fisiche, giuridiche nonché collettività di diritto pubblico e Comuni
  • Non hanno diritto ai contributi le aziende della Confederazione e dei Cantoni

Hanno diritto al (art. 83 OPD):

  • contributo d'estivazione
  • contributo per la qualità del paesaggio
  • contributo per la biodiversità per le superfici inerbite e terreni da strame ricchi di specie nella regione d'estivazione

Condizioni per i contributi:

  • della domanda entro i termini fissati (art. 99 OPD)

Non sono applicabili:

  • il limite d'età
  • le esigenze relative alla formazione
  • il volume di lavoro minimo
  • la quota minima dei lavori della manodopera propria dell'azienda
  • la limitazione dei contributi per unità standard di manodopera
  • la prova che le esigenze ecologiche sono rispettate

Esigenze in materia di gestione (art. 26-34 OPD):

  • Le aziende d'estivazione devono essere gestite in modo adeguato e rispettoso dell'ambiente
  • Deve essere effettuata l'adeguata manutenzione degli edifici, degli impianti e degli accessi
  • Gli animali estivati devono essere controllati almeno una volta alla settimana
  • I pascoli devono essere protetti contro l'avanzamento del bosco e l'abbandono
  • Le superfici sulle quali non è ammesso il pascolo vanno rese inaccessibili agli animali al pascolo
  • Le superfici che rientrano nella protezione della natura devono essere gestite secondo le prescrizioni
  • L'impiego di concimi minerali azotati e di concimi liquidi non prodotti sull'alpe è vietato
  • Per l'apporto di altri concimi è necessaria un'autorizzazione
  • Per il superamento di situazioni eccezionali dovute alle condizioni meteorologiche possono essere utilizzati al massimo 50 kg di foraggi essiccati o 140 kg di foraggi insilati per CN
  • Per gli animali munti è inoltre ammesso l'apporto di al massimo 100 kg di foraggi essiccati e 100 kg di foraggi concentrati per CN
  • La somministrazione di foraggio concentrato ai suini è autorizzata soltanto a complemento dei sottoprodotti del latte ottenuti sull'alpe
  • Occorre lottare contro le piante problematiche
  • L'impiego di erbicidi è per principio autorizzato soltanto per il trattamento pianta per pianta. Nel quadro di un piano di risanamento è possibile il trattamento su tutta la superficie
  • Vanno rispettate eventuali indicazioni nel piano di gestione
  • Nessuna utilizzazione troppo intensiva o troppo estensiva

Informazioni complementari

Ultima modifica 17.05.2016

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/instrumente/direktzahlungen/voraussetzungen-begriffe/soemmerungsbetriebe.html