ALSA & ASP

Accordo di libero scambio nel settore agroalimentare (ALSA) e accordo nel settore della sanità pubblica (ASP)

Da novembre 2008 sono in corso negoziati tra la Svizzera e l’UE per un'apertura del mercato lungo l'intera filiera agroalimentare, nonché per un rafforzamento della collaborazione nel settore della sicurezza delle derrate alimentari e dei prodotti e in quello della sanità pubblica.

In una prima fase i lavori sono avanzati in maniera soddisfacente. Finora si sono conclusi tre cicli di negoziati e nel gruppo «Accesso al mercato nel settore agricolo», ad esempio, è stato possibile trovare i primi, importanti punti di convergenza. Da metà 2010, però, i negoziati sono in una situazione di stallo, non da ultimo a causa di questioni istituzionali tuttora aperte e resistenze a livello di politica interna.

Un accordo di libero scambio tra la Svizzera e l'UE nel settore agroalimentare (ALSA) getterebbe le basi per aperture reciproche dei mercati dei prodotti agricoli e delle derrate alimentari. Eliminerebbe altresì gli ostacoli al commercio tariffari (come dazi doganali e contingenti) e non tariffari (come diverse prescrizioni in materia di produzione e omologazione). Il libero scambio non riguarderebbe soltanto le materie prime agricole (come latte e bestiame da macello), bensì anche i livelli a monte e a valle della filiera produttiva, ossia i mezzi di produzione (come sementi e macchinari) e i prodotti dell'industria di trasformazione (come formaggio e yogurt).

L'ALSA s'inserirebbe coerentemente nel contesto delle riforme della politica agricola attuate finora e finalizzate a migliorare la competitività dell'agricoltura svizzera sul piano internazionale. Un'apertura nei confronti dell'UE si tradurrebbe in una riduzione dei costi di produzione per gli agricoltori svizzeri e per  'industria elvetica di trasformazione con conseguente agevolazione dell'accesso dei prodotti svizzeri al mercato comunitario. Per i consumatori elvetici comporterebbe un calo dei prezzi delle derrate alimentari. Le ricadute sul piano economico sarebbero positive, con una crescita durevole del PIL dello 0,3 per cento, vale a dire di 2 miliardi di franchi.

L'apertura dei mercati rappresenta una notevole sfida per l'agricoltura. Onde approfittare dei nuovi sbocchi e sostenere le aziende interessate affinché possano far fronte al nuovo contesto di mercato, l'ALSA verrebbe introdotto gradualmente e sarebbe affiancato da misure collaterali adeguate.

Informazioni complementari

Ultima modifica 04.03.2022

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale dell'agricoltura UFAG Schwarzenburgstrasse 165
3003 Berna
Tel.
058 463 57 83

Corinne Roux

Stampare contatto

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/international/institutionen/europaeische-union-eu/fhal-gesa.html