FHAL & GesA

Da novembre 2008, sono in corso negoziati tra Svizzera e UE per un'apertura di mercato dell'intera filiera agroalimentare, nonché per un rafforzamento della collaborazione nei settori della sicurezza delle derrate alimentari e dei prodotti e della sanità pubblica.

In una prima fase i negoziati sono avanzati in maniera soddisfacente. Finora se ne sono svolti tre cicli e nel gruppo "Accesso al mercato nel settore agricolo", ad esempio, sono stati trovati i primi, importanti denominatori comuni. Da metà 2010, però, i negoziati sono bloccati, non da ultimo a causa di questioni istituzionali irrisolte e resistenze a livello di politica interna.

Un Accordo di libero scambio tra la Svizzera e l'UE nel settore agroalimentare (ALSA) rappresenterebbe un'apertura del mercato per i prodotti agricoli e le derrate alimentari. Eliminerebbe gli ostacoli al commercio tariffari (dazi doganali e contingenti) nonché quelli non tariffari (diverse prescrizioni in materia di produzione e omologazione). Il libero scambio non riguarderebbe soltanto le materie prime agricole (latte, bestiame da macello), bensì anche i livelli a monte e a valle della filiera, ossia i mezzi di produzione (sementi, macchinari) e i prodotti dell'industria di trasformazione (formaggio, yogurt).

L'ALSA s'inserirebbe coerentemente nel contesto delle riforme della politica agricola attuate finora e finalizzate a migliorare la competitività dell'agricoltura svizzera sul piano internazionale. Un'apertura nei confronti dell'UE si tradurrebbe in una riduzione dei costi di produzione per gli agricoltori svizzeri e per l'industria elvetica di trasformazione, agevolando l'accesso di prodotti svizzeri al mercato comunitario. Per i consumatori elvetici comporterebbe un calo dei prezzi delle derrate alimentari. Le ricadute sul piano economico sarebbero positive con una crescita durevole del PIL dello 0,5 per cento, vale a dire di 2 miliardi di franchi.

L'apertura dei mercati rappresenta una notevole sfida per l'agricoltura. Onde approfittare dei nuovi sbocchi e sostenere le aziende interessate affinché possano far fronte al nuovo contesto di mercato, l'ALSA verrebbe introdotto gradualmente e contemplerebbe misure collaterali adeguate.

Coordinamento dei negoziati

Direzione degli affari europei DAE

Agricoltura


Ufficio federale dell'agricoltura UFAG 

 Sicurezza alimentare


Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV

Sicurezza dei prodotti


Segreteria di Stato dell'economia SECO

Sanità pubblica


Ufficio federale della sanità pubblica UFSP

Informazioni complementari

Ultima modifica 21.09.2016

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/international/institutionen/europaeische-union-eu/fhal-gesa.html