Protocolo n. 2

Fotolia_49473723_Subscription_Monthly_M

Il Protocollo n. 2 dell'Accordo di libero scambio del 1972 disciplina il traffico di prodotti agricoli trasformati tra la Svizzera e l'UE. Tali prodotti vengono suddivisi tra quelli ai quali si applicano misure di compensazione dei prezzi (tabella 1; p.es. cioccolato al latte, biscotti, alimenti per bambini) e quelli per i quali vige il libero scambio (tabella 2; p.es. caffè, marmellata, acqua, birra).

Per i prodotti di cui alla succitata tabella 1 vanno compensate le differenze di costi riconducibili al prezzo della materia prima. A tale scopo, vengono rilevati i prezzi di riferimento e le differenze di prezzo tra UE e Svizzera delle materie prime più importanti (p.es. burro, latte in polvere, farina di frumento), utili per calcolare e stabilire, per ogni prodotto, i tributi doganali e i contributi all'esportazione. I prezzi di riferimento e le differenze di prezzo sono elencati nel Protocollo n. 2 e generalmente vengono aggiornati una volta l'anno.

Considerato che le materie prime elvetiche sono più care di quelle europee, sulla base di tale accordo la Svizzera può, per i prodotti agricoli trasformati, concedere contributi all'esportazione e riscuotere tributi doganali per l'importazione. L'UE, da parte sua, rinuncia sia agli uni che agli altri.

Il sistema di compensazione del prezzo descritto è sancito nella cosiddetta "legge sul cioccolato" (legge federale sull'importazione e l'esportazione dei prodotti agricoli trasformati; RS 632.111.72). Esso tiene conto delle norme del Protocollo n. 2 e fa, pertanto, una distinzione tra gli scambi commerciali con i Paesi UE e non UE. Per maggiori informazioni sulla legge sul cioccolato e, in particolare, sui contributi all'esportazione, visitare la pagina Internet della Direzione generale delle dogane.

Informazioni complementari

Ultima modifica 16.08.2016

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/international/institutionen/europaeische-union-eu/protokoll-nr-2.html