Parassiti e malattie

I vegetali costituiscono la base della nostra catena alimentare poiché se non se ne coltivassero non vi sarebbe né cibo per l’uomo, né foraggio per gli animali. I vegetali sono inoltre una componente centrale dell’ambiente in cui viviamo e ci circondano nella nostra quotidianità. Pertanto la comparsa di malattie e parassiti dei vegetali può avere conseguenze nefaste sulla nostra qualità di vita e sulla nostra economia. Gli organismi nocivi particolarmente pericolosi possono minacciare le basi vitali delle aziende attive nell’agricoltura e nell’ortoflorovivaismo esercitato a titolo professionale e avere ripercussioni negative sulla qualità e sui prezzi delle nostre derrate alimentari nonché sullo stato e sulla funzione dei nostri boschi e parchi.

Organismi nocivi devastanti per i vegetali possono comparire nelle forme più disparate come batteri, funghi, virus o insetti. Negli ultimi 30 anni, ad esempio, il fuoco batterico (Erwinia amylovora) ha causato in Svizzera gravi danni alla frutticoltura. Negli scorsi anni, in particolare la comparsa del tarlo asiatico del fusto (Anoplophora glabripennis) ha rappresentato una grave minaccia per il bosco. Nei prossimi anni l’introduzione e la diffusione di nuovi organismi nocivi particolarmente pericolosi, come per esempio il batterio Xylella fastidiosa, il coleottero giapponese (Popillia japonica) o il nematode del pino (Bursaphelenchus xylophilus), potrebbero avere gravi ripercussioni economiche, sociali ed ecologiche. Pertanto è importante adottare tempestivamente misure efficaci per evitare che tali organismi nocivi giungano in Svizzera o distruggerli immediatamente non appena si rileva la loro presenza all’interno del Paese.

Per determinati organismi nocivi non ancora presenti in Svizzera oppure soltanto localmente vige un obbligo generale di notifica.

 

Organismi da quarantena

 

Gli organismi da quarantena sono malattie o parassiti dei vegetali di potenziale importanza economica, non presenti in Svizzera oppure presenti soltanto localmente. A essi si applica un obbligo di notifica e di lotta generale. Negli organismi da quarantena rientrano, ad esempio, il batterio Xylella fastidiosa e il tarlo asiatico del fusto.

Organismi da quarantena rilevanti per le zone protette

Gli organismi da quarantena rilevanti per le zone protette sono agenti patogeni o parassiti diffusi in Svizzera ma non ancora presenti in determinati territori dove potrebbero rivelarsi altamente nocivi. Possiedono lo status di organismi da quarantena soltanto all’interno delle zone protette delimitate espressamente per loro, ma non nel resto della Svizzera. Attualmente in Svizzera vi è soltanto una zona protetta per il fuoco batterico (Erwinia amylovora).

Organismi regolamentati non da quarantena

Gli organismi regolamentati non da quarantena sono agenti patogeni o parassiti ampiamente diffusi in Svizzera e trasmessi prevalentemente da determinate piante ospiti specificamente destinate alla piantagione. Vista la loro diffusione non rispondono (più) ai criteri di un organismo da quarantena ma, date le ripercussioni economiche inaccettabili che la loro comparsa potrebbe comportare, occorre adottare misure fitosanitarie a livello di materiale di moltiplicazione. Appartengono a questa categoria, per esempio il fuoco batterico per la frutta a granelli, il virus sharka per la frutta a nocciolo, la peronospera dell’ago rosso per i pini oppure lo scopazzo del melo.

 

Ultima modifica 20.12.2019

Inizio pagina

Contatto

Ufficio federale dell’agricoltura UFAG Servizio fitosanitario federale SFF
Schwarzenburgstrasse 165
3003 Berna
Tel.
+41 58 462 25 50
fax
+41 58 462 26 34

phyto@blw.admin.ch

Stampare contatto

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/nachhaltige-produktion/Pflanzengesundheit/schaedlingeundkrankheiten.html