Banca dati sul traffico di animali BDTA

La banca dati sul traffico di animali garantisce la tracciabilità degli animali svizzeri accrescendo, di conseguenza, la fiducia dei consumatori nei confronti della carne svizzera.

Su mandato dell'Ufficio federale dell'agricoltura, distribuisce marche auricolari per contrassegnare in maniera inequivocabile gli animali a unghia fessa (bovini, suini, ovini, caprini e selvaggina allevata in recinti). Dal 2000 nella BDTA si registrano tutte le nascite, gli spostamenti e le macellazioni di animali della specie bovina. Nel 2011 l'obbligo di registrazione è stato esteso agli equidi (cavalli, asini, muli e bardotti). Dallo stesso anno la BDTA registra anche le entrate e le macellazioni di suini. La tappa successiva è avvenuta nel 2014 con la registrazione delle macellazioni di ovini, caprini e pollame. Dal 2016, infine, è stata prescritta anche la notifica del pollame detenuto in pollai.

In casi di emergenza, questi provvedimenti, unitamente alla tracciabilità degli animali, consentono alle autorità del settore veterinario e alimentare di attuare rapidamente misure adeguate. I dati della BDTA sono utilizzati anche per l'esecuzione della legislazione agricola, ad esempio per l'assegnazione dei contingenti doganali per l'importazione di carne sulla base delle macellazioni, per il versamento di contributi ai costi per l'eliminazione dei sottoprodotti di origine animale o per il versamento dei pagamenti diretti riferiti agli animali (cfr. calcolatore di UBG).

Nel pieno rispetto delle disposizioni sulla protezione dei dati, le organizzazioni di allevamento, di produttori e label nonché i servizi per la salute degli animali possono consultare e utilizzare i dati BDTA.

Grazie al molteplice utilizzo dei dati è stato possibile accrescere costantemente la qualità dei dati BDTA. Oggi la BDTA è la fonte d'informazione centrale dei dati sugli animali.

Ultima modifica 30.01.2019

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/politik/datenmanagement/agate/tvd.html