Iniziativa «Per una Svizzera senza pesticidi sintetici»

SOSP Titelbild
Il Consiglio federale propone al Parlamento di respingere l'iniziativa popolare «Per una Svizzera senza pesticidi sintetici» senza controprogetto.

L'iniziativa «Per una Svizzera senza pesticidi sintetici» è stata depositata il 25 maggio 2018.

L'iniziativa chiede un divieto dei pesticidi sintetici:

  • nella produzione agricola
  • nella trasformazione di prodotti agricoli
  • nella cura del suolo e del paesaggio
  • e nell'importazione o nella produzione di derrate alimentari

L'iniziativa popolare vuole ridurre i rischi e l'uso di pesticidi e fa così sua una richiesta diffusa tra la popolazione. Il Consiglio federale è consapevole di ciò e pertanto, il 6 settembre 2017, ha varato il Piano d'azione sui prodotti fitosanitari attraverso il quale si punta a ridurre l'impiego e i rischi dei prodotti fitosanitari.

Nel quadro della Politica agricola a partire dal 2022 è previsto un pacchetto supplementare in alternativa all'iniziativa sull'acqua potabile comprendente le seguenti misure:

  • I pagamenti diretti saranno stanziati soltanto a chi rinuncia all'uso di prodotti fitosanitari ad alto rischio ambientale.
  • Questa rinuncia rientrerà nella prova che le esigenze ecologiche sono rispettate (PER) e sarà un requisito fondamentale per ottenere pagamenti diretti.
  • Attraverso i pagamenti diretti, inoltre, verranno promosse maggiormente le tecniche di coltivazione che richiedono un minor impiego di prodotti fitosanitari o che addirittura non lo prevedono.

In questo modo si terrà conto delle richieste essenziali della presente iniziativa e di quella sull'acqua potabile. I recenti sviluppi sul fronte delle vendite di prodotti fitosanitari indicano che già grazie alla politica agricola attuale è in atto una tendenza al ribasso.

Il Consiglio federale propone di respingere l'iniziativa popolare "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici"

Un'accettazione dell'iniziativa popolare avrebbe ripercussioni notevoli e pregiudizievoli sull'agricoltura svizzera, sull'industria alimentare e sulla sicurezza alimentare.

  1. Verrebbero a mancare efficaci materie ausiliarie per proteggere le colture agricole e i raccolti.
  2. Senza i biocidi sintetici utilizzati nell'allevamento per l'igiene della stalla, nonché nella trasformazione e nello stoccaggio di derrate alimentari diventerebbe più difficoltoso rispettare le norme igieniche e garantire la sicurezza delle derrate alimentari.
  3. I costi di produzione aumenterebbero e di conseguenza si assisterebbe a un rincaro dei prodotti alimentari.

Ciò comprometterebbe la varietà dell'offerta indigena e farebbe aumentare il turismo degli acquisti. Un divieto generale d'importazione per i prodotti ottenuti con pesticidi sintetici non sarebbe compatibile con il diritto OMC e nemmeno con gli impegni assunti nel quadro di accordi di libero scambio.

Poiché la Confederazione lavora già con grande impegno al fine di ridurre i rischi dei pesticidi con il Piano d'azione sui pesticidi e questo impegno è destinato a crescere ulteriormente nel quadro della Politica agricola a partire dal 2022, grazie a misure incisive e orientate alla pratica, il Consiglio federale propone di respingere l'iniziativa senza controprogetto.

 

Informazioni complementari

Ultima modifica 27.02.2019

Inizio pagina

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/politik/initiative-sosp.html