Un parassita molto pericoloso: il coleottero giapponese

Berna, 12.03.2020 - Il coleottero giapponese originario dell'Asia rappresenta una minaccia seria per le piante coltivate e selvatiche della Svizzera. Il 12 marzo 2020, la Posta Svizzera, in collaborazione con il Servizio fitosanitario federale (SFF), presenta un francobollo speciale dedicato all’Anno internazionale della salute delle piante che ne riporta un’immagine fedele all’originale allo scopo di facilitare l’individuazione precoce di questo parassita pericoloso nonostante l'aspetto innocuo.

La Posta Svizzera ha presentato il 12 marzo 2020 a Liebefeld, Berna, un francobollo speciale dedicato all'Anno internazionale della salute delle piante (v. riquadro). Il francobollo speciale da 85 centesimi su cui è raffigurato il coleottero giapponese è stato realizzato dall'illustratore scientifico Angelo Boog, in collaborazione con il Servizio fitosanitario federale (SFF). Il SFF è gestito congiuntamente dall’Ufficio federale dell’agricoltura (UFAG) e dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

A causa dell’attuale situazione riguardo al coronavirus si è rinunciato a una conferenza stampa convenzionale. I rappresentanti dei media e gli interessati hanno potuto seguire la presentazione del francobollo esclusivamente tramite live stream e alle domande si è risposto direttamente per e-mail, Twitter e per telefono.

Rischio serio al confine meridionale

Il coleottero giapponese, come indica il nome, proviene dal Giappone. Oltre un secolo fa, larve di questo insetto furono introdotte assieme a bulbi di fiori in America dove, da allora, si registrano danni ingenti cui si cerca di far fronte con un dispendio enorme. Le larve vivono nel terreno dei prati umidi e si nutrono prevalentemente di radici erbose; gli adulti, invece, divorano le foglie di diversi alberi (p.es. melo, olmo, tiglio, acero, pesco), arbusti (vigna, mora o rosa) e altre piante (mais, soia, ecc.). Spesso le piante vengono ridotte a uno scheletro.

Nel continente europeo il coleottero giapponese è stato scoperto per la prima volta nell'estate 2014 nei pressi di Milano. Da lì si è diffuso verso la Svizzera dove, nel 2017, è stato catturato per la prima volta a Stabio, nel Ticino meridionale, con trappole appositamente collocate a scopo preventivo. Il coleottero giapponese è in grado di volare per diverse centinaia di metri il che ne facilita la diffusione. Ma può viaggiare anche per distanze maggiori all'interno di auto e camion, nelle piante in vaso o nel terriccio. Lo scorso anno in Ticino sono stati avvistati singoli coleotteri giapponesi all'aria aperta. Non è ancora dato sapere se questi insetti si siano riprodotti. Si deve tuttavia mettere in conto una diffusione del parassita anche nel resto della Svizzera.

L'individuazione precoce ha massima priorità

Una volta che il coleottero giapponese si è insediato, è difficile liberarsene. In caso di presenza contenuta o isolata, gli insetti possono essere catturati con trappole o raccolti. In caso di focolai più grandi si deve ricorrere a metodi di lotta biologici e meccanici per prevenire che il numero di insetti subisca un'impennata. Siccome in Svizzera non esistono antagonisti naturali del coleottero giapponese, se ciò avvenisse si avrebbero conseguenze enormi dal profilo ecologico ed economico. Il direttore dell'UFAG Christian Hofer, in occasione della presentazione del francobollo, ha altresì sottolineato il grave rischio che rappresentano il coleottero giapponese ma anche gli altri organismi nocivi e agenti patogeni: «Gli insetti, i nematodi, i batteri, i funghi o i virus che si introducono nel nostro Paese possono incidere sulla salute delle piante e dunque compromettere la produzione di derrate alimentari». Il vicedirettore dell'UFAM Paul Steffen ha evidenziato per l’habitat forestale: «Il bosco ha funzioni importanti, ad esempio protegge dai pericoli naturali. Ma è difficile lottare contro gli organismi nocivi nel bosco. Per questo, la prevenzione gioca qui un ruolo fondamentale. Il caposaldo della prevenzione è l'individuazione precoce. Tutti, esperti e non, possono contribuire a scoprire precocemente un focolaio e a combattere il coleottero giapponese prima che si propaghi nel bosco».

Importante contributo di professionisti e popolazione

Il successo ottenuto nel 2019 nell'eradicare alcuni focolai del tarlo asiatico del fusto (ALB) è dovuto anche all'occhio attento della popolazione e degli esperti. Anche per l'individuazione precoce del coleottero giapponese è fondamentale l'aiuto di tutti, appassionati di giardinaggio, agricoltori o proprietari forestali compresi. Nel corso di quest'anno il SFF metterà a disposizione materiale informativo per facilitare l'identificazione di altri agenti patogeni e parassiti delle piante quali, ad esempio, il tarlo asiatico, imparentato con l'ALB, il minatore smeraldino del frassino o il pericoloso virus del pomodoro ToBRFV. Il SFF si avvale della collaborazione di partner nazionali che hanno aderito all'Anno internazionale della salute delle piante (v. riquadro).

Parassita facilmente riconoscibile
Seppur simile nell'aspetto ai comuni maggiolini indigeni presenti nei nostri giardini, il coleottero giapponese è facilmente riconoscibile anche per i non esperti. Gli adulti hanno una lunghezza di 8-12 mm (quindi sono più piccoli dell'esemplare riprodotto sul francobollo). Hanno ali color rame metallizzato. La testa e il corpo sono verde smeraldo. Il tratto distintivo è la presenza di cinque ciuffi di peli bianchi su ogni lato dell’addome e di due ciuffi bianchi sull’estremità caudale. In caso di sospetto catturare e fotografare il coleottero e informare senza indugio il servizio fitosanitario cantonale. I recapiti da contattare sono disponibili su www.salute-dei-vegetali.ch.

Anno internazionale della salute delle piante 2020
L’anno internazionale della salute delle piante (International Year of Plant Health IYPH) è stato indetto dall’ONU e in Svizzera è stato inaugurato il 30 gennaio 2020 dal Servizio fitosanitario federale (SFF), in collaborazione con importanti partner nazionali quali Unione svizzera dei contadini (USC), WaldSchweiz, Jardin Suisse e Federazione svizzera dei giardini familiari (FSGF). Numerosi musei di storia naturale, giardini botanici, servizi cantonali e altri attori hanno aderito all’Anno internazionale della salute delle piante. Maggiori informazioni: www.salute-dei-vegetali.ch


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dell’agricoltura UFAG: Florie Marion, Settore Comunicazione e servizi linguistici, tel. +41 58 461 14 41
Ufficio federale dell’ambiente UFAM: Servizio Media, tel. +41 58 462 90 00



Pubblicato da

Ufficio federale dell'agricoltura
http://www.blw.admin.ch

Ufficio federale dell'ambiente UFAM
http://www.bafu.admin.ch/it

Contatto

Servizio stampa

Tel. +41 58 461 14 41
Tel. +41 58 483 92 78

 
 

media@blw.admin.ch

Stampare contatto

Abonnamenti alle news

Il servizio di abbonamento di www.news.admin.ch informa costantemente tramite e-mail sulle novità concernenti l'Amministrazione federale. Configurate il vostro menu di informazioni per tematiche o per mittente.

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/services/medienmitteilungen.msg-id-78411.html