Misure urgenti per impedire la diffusione del coleottero giapponese nel Canton Ticino

Berna, 01.12.2020 - Dopo la scoperta del primo focolaio, la scorsa estate, nell’estremo sud del Canton Ticino, la presenza del coleottero giapponese è già stata confermata in diverse parti del Sottoceneri. È ormai evidente che questo organismo nocivo si è stabilito in questa regione e che le prospettive di eradicazione sono scarse. L’Ufficio federale dell’agricoltura ha pertanto ordinato una serie di misure di contenimento per impedire che si propaghi ulteriormente.

Il coleottero giapponese (Popillia japonica Newman) ha fatto la sua comparsa in Europa nell’estate del 2014 nei pressi di Milano. Dal 2017 l’insetto è stato ripetutamente catturato in trappole a feromoni collocate lungo il confine con l’Italia. Il primo focolaio in territorio svizzero è stato rilevato nell’estate di quest’anno in un vigneto nella parte sudoccidentale del Mendrisiotto. Dopodiché si è ampiamente diffuso nel Sottoceneri.

Il coleottero giapponese in Svizzera, così come in tutti gli altri Paesi europei, è considerato un organismo nocivo da quarantena e pertanto è assoggettato all’obbligo di notifica e di lotta. Se un organismo nocivo da quarantena è talmente diffuso che non può più essere eradicato, in virtù del diritto vigente in materia di salute dei vegetali, la Confederazione, ovvero l’Ufficio federale dell’agricoltura, ha il compito di delimitare una zona infestata e di ordinare l’attuazione, al suo interno, di misure per impedire che l’organismo nocivo da quarantena si diffonda ulteriormente.

Stando alle conoscenze epidemiologiche sul coleottero giapponese, vi è un rischio elevato che si diffonda o venga trasportato in altre zone. Ciò avviene soprattutto per mezzo di piante vive, ma è noto che esistono anche altri vettori, ad esempio i rifiuti verdi (resti della manutenzione del verde) e il terriccio. Pertanto la gestione di queste merci deve essere regolamentata con norme severe.

Per misurare l’efficacia delle misure di contenimento nella zona infestata, occorre anche delimitare attorno a essa una zona cuscinetto sottoposta a un’intensa sorveglianza da parte del Servizio fitosanitario cantonale per rilevare l’eventuale presenza del coleottero giapponese. Inoltre, anche nella zona cuscinetto vigono norme severe per il trasporto di merci a rischio.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale dell’agricoltura UFAG: Florie Marion, Settore Comunicazione e servizi linguistici, tel. +41 58 461 14 41,
Jonathan Fisch, Settore Comunicazione e servizi linguistici, tel. + 41 58 483 92 78.



Pubblicato da

Ufficio federale dell'agricoltura
http://www.blw.admin.ch

Contatto

Servizio stampa

Tel. +41 58 461 14 41
Tel. +41 58 483 92 78

 
 

media@blw.admin.ch

Stampare contatto

Abonnamenti alle news

Il servizio di abbonamento di www.news.admin.ch informa costantemente tramite e-mail sulle novità concernenti l'Amministrazione federale. Configurate il vostro menu di informazioni per tematiche o per mittente.

https://www.blw.admin.ch/content/blw/it/home/services/medienmitteilungen.msg-id-81413.html